fischia il vento

fischia il vento

canto partigiano: testo di F. Cascione, elaborazione musicale di Giulia Tripoti su originale “Katjuša” di M. Blanter. Nella foto mio nonno partigiano Remo Toccaceli

Dedicato a mio nonno Remo, partigiano (1925-2011), che con i suoi racconti, i suoi silenzi con gli occhi commossi, mi ha fatto conoscere quelle terre tra Canelli, Nizza Monferrato ed Agliano Terme, dove da ragazzo ha combattuto con la XV DIV. “ALESSANDRIA” di Stefano Cigliano, rischiando la propria vita per la libertà.

Fischia il vento urla la bufera,
scarpe rotte e pur bisogna andar
a conquistare la rossa primavera
dove sorge il sol dell’avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle,
ogni donna a lui dona un sospir,
nella notte lo guidano le stelle,
forte il cuor e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte,
dura vendetta verrà dal partigian;
ormai sicura è già la dura sorte
del fascista vile e traditor.

Cessa il vento, calma è la bufera,
torna a casa il fiero partigian,
sventolando la rossa sua bandiera;
vittoriosi, al fin liberi siam!

acquista ARROVESCIATA!

arrovesciata giulia tripoti terre sommerse 2013Acquista ARROVESCIATA (Terre Sommerse 2013), il nuovo disco della cantautrice romana Giulia Tripoti. 13 canzoni di lotta e amore tra folk, progressive and world music. Special guests: Tony Levin, Markus Reuter, Orhan Osman e Francesco Moneti.

compra online

compralo nei negozi di dischi